ZATO RICONFERMA LA SUA COMPETENZA NEL SETTORE DELL’ALLUMINIO SECONDARIO

Riciclare alluminio fa bene all’ambiente e all’economia

L’Alluminio è riciclabile al 100% e all’infinito con un utilizzo pari solo al 5% dell’energia elettrica necessaria per produrre alluminio primario dal minerale.I numeri sono ormai noti, nel settore del riciclaggio lattine sappiamo che sono sufficienti:

  • 3 lattine per una montatura di occhiali,
  • 37 lattine per una caffettiera,
  • 800 lattine per una bicicletta.

L’Europa è tra i primi paesi nel mondo per capacità di recupero di questo metallo.

Importanti i numeri anche nel settore dell’auto motive dove:

  • Il 90% dell’allumino per produrre cerchioni è riciclato,
  • il 30% dell’alluminio necessario per realizzare pistoni e cilindri è riciclato,
  • il 40% dell’alluminio necessario per realizzare l’intera struttura di un’automobile.

I colossi del riciclo stimano che il mercato dei laminati di alluminio per auto sia destinato a raddoppiare entro il 2025, sotto la costante spinta dello sviluppo asiatico. Si registra sempre maggiore apertura verso l’alluminio come sostitutivo dell’acciaio o come materiale d’elezione, in combinazione con fibre di carbonio e plastica, per le carrozzerie dei veicoli elettrici.

 

zato-news-header-3

In tutto questo ZATO è tra i primi costruttori a livello mondiale di attrezzature ed impianti atte alla demolizione, triturazione e macinazione del rottame di Alluminio.

Nel corso dell’ultimo decennio ZATO ha ricercato sviluppato versioni e nuove macchine specifiche per la lavorazione del rottame di alluminio Le importanti installazioni di settore in UK, USA, Italia, Turchia e Germania ne sono un solido biglietto da visita.

 

ALLUMINIO1-1024×572

L’azienda tedesca per esempio, che vanta tra i suoi maggiori clienti aziende come Volkswagen e Audi gestisce un impianto di lavorazione di rottami metallici su una superficie di 20.000 m², per un volume di 75000ton/anno di rottame processato e classificato, di cui ogni singolo chilogrammo ricevuto in ingresso viene processato a monte con il Trituratore Bialbero ZATO Blue Devil quadrimotore GFS5000 SERIE II da 470kW.

Una macchina specializzata e migliorata nella sua ultima veste che la vede lavorare all’aperto, in condizioni climatiche severe, su due turni, per 14 ore al giorno.

Ferdinando Franzoni
Responsabile Assistenza Clienti

IMGM2042-1024×682

Contattaci